Assumptions, goals and methods of different therapeutic approaches

— Italiano sotto —

Cognitive-Behavioural Therapy

Assumption: emotions derive from automatic thoughts (cognitions).
If I believe that people are generally mean, I will feel scared and defensive.
Goal: challenge automatic thoughts by comparing them to more rational ones (people are not all mean) and this will change the emotions.
Method: setting goals, practicing techniques, identifying distortions, defining problems and create plans to solve them.

Psychodynamic Psychotherapy

Assumption: we have unconscious feelings that work underneath our consciousness and create tension.
If I am afraid of adulthood and its implications, but I cannot handle this feeling, I will repress this realisation, but this will still affect my mental state.
Goal: uncover unconscious desires and fears.
Method: unveiling main defense mechanisms, working with dreams, transference (what the client projects on the therapist that comes from elsewhere) and investigating not only the present, but also the past.

Schema Therapy

Assumption: people repeat certain patterns (schemas) that start mostly during childhood.
If I have the schema “I am a failure” due to not having my needs of recognition and value met, I might interpret reality through those lenses.
Goal: help the client address these needs, embrace them and fulfil them.
Method: identifying main schemas and modes. Modes are temporary mindsets that define how you feel and cope in a certain moment: you could be in ‘child mode’ when you feel vulnerable, or in ‘parent mode’ when you criticise yourself.

Acceptance and Commitment Therapy

Assumption: accepting painful emotions improves the quality of life.
If the pandemic is taking a toll on me, refusing to accept the truth of how it’s affecting me, because I need control, might make my sadness worse.
Goal: foster acceptance, help to choose a direction we want in life, and then act accordingly.
Method: mindfulness, focus on values, commitment, staying in the present moment.

Humanistic Therapy

Assumption: self-exploration leads to self-actualisation.
If I interpret my feelings in a rational way, instead than experiencing them, I might end up lacking self-compassion.
Goal: helping the client to be their true self, giving them support as they explore their identity, feelings, needs.
Method: listening with empathy, warmth and respect, in a non judgemental way and non directive way.

Systemic Therapy

Assumption: reality is a social construct, and the individual cannot be separated from her or his family and context.
If the relationship with my father was unbalanced, and I was the responsible one, I might believe people need me to take care of them.
Goal: identify patterns in how a person relates to family members and people in general, and see how that affect the person.
Method: drawing family trees and looking at family history, involvement of family members, family therapy.

As said before, these are just guidelines and you will rarely find a therapist that rigidly follows only one approach. Nonetheless, psychologists specialise in a certain approach, so they are guided by certain beliefs. Luckily these are not dogmas, but fluid interpretations of the world.

—Italiano—

Premesse, obiettivi e metodi di diversi approcci terapeutici

Terapia cognitivo-comportamentale

Premessa: le emozioni derivano da pensieri automatici (cognizioni).
Se credo che le persone siano generalmente cattive, mi sentirò spaventat* e sulla difensiva.
Obiettivi: contestare i pensieri automatici confrontandoli con la razionalità (le persone non sono tutte meschine) e questo cambierà le emozioni.
Metodo: definizione degli obiettivi, pratica delle tecniche, identificazione delle distorsioni, definizione dei problemi e creazione di piani per risolverli.

Psicoterapia psicodinamica

Premessa: abbiamo sentimenti inconsci che agiscono sotto la nostra coscienza e creano tensione.
Se ho paura dell’età adulta e delle sue implicazioni, ma non riesco a sopportare questa sensazione, reprimerò questa realizzazione, ma ciò influenzerà comunque il mio stato mentale.
Obiettivi: indagare desideri e paure inconsce.
Metodo: svelare i principali meccanismi di difesa, lavorare con i sogni, transfert (ciò che il paziente proietta sul terapeuta, ma che viene da altrove) e indagare non solo il presente, ma anche il passato.

Schema Therapy

Premessa: le persone ripetono determinati schemi che iniziano principalmente durante l’infanzia.
Se ho lo schema “Sono un fallimento” dettato dal fatto che i miei bisogni di riconoscimento e di valore non sono stati ascoltati, potrei interpretare la realtà attraverso quelle lenti.
Obiettivi: aiutare il paziente ad affrontare queste esigenze, accoglierle e soddisfarle.
Metodo: individuazione degli schemi e delle modalità principali. Le modalità sono mentalità temporanee che definiscono come ti senti e come reagisci in un determinato momento: potresti essere in “modalità bambino” quando ti senti vulnerabile, o in “modalità genitore” quando ti critichi.

Terapia basata sull’accettazione e sull’impegno

Premessa: accettare emozioni dolorose migliora la qualità della vita.
Se la pandemia mi sta mettendo a dura prova, rifiutarmi di accettare la verità su come mi sta colpendo, perché ho bisogno di controllo, potrebbe aumentare la mia tristezza.
Obiettivi: favorire l’accettazione, aiutare a scegliere una direzione che vogliamo nella vita e quindi agire di conseguenza.
Metodo: mindfulness, focus sui valori, impegno, stare nel momento presente.

Terapia umanistica

Premessa: l’auto-esplorazione porta all’auto-realizzazione.
Se interpreto i miei sentimenti in modo razionale, invece di sentirli, potrei finire per mancare di compassione verso me stess*.
Obiettivi: aiutare il paziente ad essere il suo vero sé, supportandol* mentre esplora la propria identità, i propri sentimenti, i propri bisogni.
Metodo: ascoltare con empatia, vicinanza e rispetto, in modo non giudicante e non direttivo.

Terapia sistemico-relazionale

Premessa: la realtà è un costrutto sociale e l’individuo non può essere separato dalla sua famiglia e dal contesto.
Se il rapporto con mio padre era sbilanciato e io ero il responsabile, potrei credere che le persone abbiano bisogno che io mi prenda cura di loro.
Obiettivi: identificare i modelli con cui una persona si relaziona ai membri della famiglia e alle persone in generale e vedere come ciò influisce su di lei/lui.
Metodo: disegnare alberi genealogici, guardare alla storia familiare, coinvolgimento dei membri della famiglia, terapia familiare.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: